Batteria portatile Aukey

La caratteristica principale, se vogliamo, di questa batteria portatile è di avere un pannello solare il quale è molto reattivo. Infatti sotto la luce del sole o altra fonte di luce basta coprire con la mano il pannello per far cessare la ricarica.

Detto ciò, il pannello solare dev’essere ed è una fonte di ricarica di EMERGENZA. Dobbiamo sempre ricaricare la batteria tramite corrente elettrica e, se per esempio siamo fuori all’aperto con la batteria scarica, il pannello solare ci verrà in nostro aiuto. Ma la ricarica da quest’ultimo è molto lenta, perciò non facciamo troppo affidamento su di essa.

 

Per quanto riguarda le porte output di ricarica, da questo punto di vista la batteria è all’avanguardia in quanto troviamo sia la QC 3.0 che la type C. Per quanto riguarda la quick charge 3.0 l’ho provata sul mio Zenfone2 (con QC 2.0 però) e confermo che ricarico alla massima velocità supportata dallo smartphone, cioè 1400mA (vedi screen).

 

Per quanto riguarda la costruzione della batteria questa non è mi è piaciuta: avendo il pannello solare e quindi essendo una batteria da esterno dovevano essere inclusi un gancio per poterla appendere e una lucetta led, come tante altre batterie di questo tipo.

 

ALTRE INFO:

–              Usb non reversibile (nulla di ché ma avendo recensito batterie che ce l’avevano allora lo sottolineo).

–              Su 16000mAh la ricarica effettiva è di circa 12000mAh

–              Quick charge 3.0 che ormai è il futuro e ritroviamo sui top di gamma.

–              AiPower come su tutti i dispositivi Aukey per fornire la giusta corrente al nostro smartphone.

–              La ricarica si avvia in AUTOMATICO, senza premere necessariamente il pulsante di accensione

Se ti sono stato utile, ti chiedo di SUPPORTARMI SU AMAZON cliccando qui e votando la recensione con un “SI”. 🙂